La Bellezza di Siena

(Student Laura Acquaviva spent a month studying in Siena; here she describes her experience there)

Quest’estate ho deciso di seguire il terzo livello della lingua italiana a Siena. Prima di tutto, non avevo mai viaggiato in Italia da sola e secondo non ero mai stata nel nord Italia. Perciò non avevo nessun’idea di cosa mi aspettava. Prima di partire ho avuto tantissimi consigli dai miei professori a Western, dalle persone che sono state in Toscana, e anche dalla mia famiglia che vive in Italia. Però, anche con tutti questi suggerimenti, se devo essere sincera, ero ansiosa e non scherzo quando dico che avevo un po’ di paura; non della città o della gente, ma dell’ignoto. Ho visto dei film che sono stati girati in Toscana e in tutto questo tempo mi sono fatta un’idea di come fosse questa regione. Quando si parla della Toscana non c’è mai niente di male da dire, soprattutto di Siena.

Sono arrivata a Siena il due di giugno col pullman da una cittadina in cui sono stata per una settimana con la mia famiglia. Questo viaggio l’ho fatto di notte con mio zio, ed è durato quasi otto ore. Il pullman era davvero comodo, economico, e ha fatto tre o quattro fermate. A un certo punto, avevo tolto i miei occhiali e chiuso la tendina così, magari, potevo dormire un pochino. Quando mi sono svegliata, era presto e tutti in pullman stavano dormendo. Ho rimesso gli occhiali, tirato un po’ la tendina per vedere se c’era un cartello stradale, giusto per sapere quanto tempo ci voleva per arrivare. Appena ho guardato fuori dal finestrino, non avevo più dubbi. Ero sicurissima che ci stessimo avvicinando a Siena. Lo dico con pura sincerità: la Toscana è ESATTAMENTE come la immaginavo, come un dipinto con le colline, i cipressi, i campi di grano; tutto colorato in diverse gradazioni di verde, giallo, marrone chiaro, e col cielo azzurro sullo sfondo. Sorridevo dentro di me. Tutte le preoccupazioni erano sparite in quel momento.

Il pullman è arrivato alla stazione in Piazza Carlo Rosselli che si trova di fronte all’Università per Stranieri di Siena e a un centro commerciale. “Che fortuna,” ho pensato, “Qui c’è tutto quello di cui ho bisogno: l’università, il supermercato e tutti i mezzi di trasporto.” C’è anche un bar nella stazione, dove prendevo il miglior cornetto con crema di tutta la città e una barretta di cereali ogni mattina prima della lezione. Pensate che tutto questo mi costava solamente 2 euro e cinquanta centesimi! Scusatemi ho divagato un po’… difficile non farlo quando penso al cibo, specialmente ai cornetti! Comunque, dopo che siamo arrivati, abbiamo preso un taxi dalla casa in cui ho vissuto per un mese. Fortunatamente, con l’aiuto della mia famiglia, ho avuto l’opportunità di vivere con tre gentili e brave ragazze Italiane che studiano a Siena. Ho condiviso una camera da letto con una delle ragazze e tutt’e tre mi hanno fatto sentire come se fossi stata a casa mia. Se avete scelto di vivere da soli o anche con qualcuno che vive nella città in cui si studia, non abbiate timore! È una bella esperienza, quella di vivere con una persona del posto. Una volta la settimana ho dovuto fare la spesa, il bucato, e ogni sera cucinavo per me stessa se non cenavo fuori.

La prima settimana di lezioni, non vi mentirò, ho fatto tardi quasi ogni giorno. Ho perso un po’ di tempo per capire il meccanismo del trasporto pubblico, ma non è stato difficile per niente, soprattutto perché a ogni fermata c’è un piccolo schermo che ti spiega quali autobus passano di là e anche dove fermano. Però, sono arrivata il giorno prima dell’inizio delle lezioni e non mi sono data abbastanza tempo per organizzarmi. Dalla mia casa, ho dovuto prendere un autobus, scendere a Piazza del Sale, e poi salire su un altro autobus che mi portava direttamente alla Stazione. Dopo una settimana, ho deciso di scendere a Piazza del Sale e fare il resto a piedi. Dico la verità, è stato meglio così. L’atmosfera alle 7:00 di mattina a Siena (e in Italia in generale) è incomparabile. Le tranquille stradine, il profumo del caffè (cioè l’espresso) e le paste, tutti i bar aperti, alcuni negozianti che sistemano i loro negozi, e il venticello fresco che in quei giorni tirava solamente la mattina quando non faceva troppo caldo.

Quando arrivavo all’università, come ho detto prima, prendevo un cornetto, però il caffè lo prendevo sempre all’università. Ora devo divagare di nuovo… Io sono ossessionata dal caffè. Non posso passare un giorno senza prenderlo, sia in Italia sia in Canada. Non sarebbe possibile per me! L’Italia è un paradiso in generale, però per quanto riguarda il caffè, nessuno la può superare. Se qualcuno mi volesse contraddire su quest’argomento, perderebbe. A Siena, come dappertutto in Italia, ci sono mille bar in cui si può prendere un buon caffè. C’è il Bar Nannini, La Bottega Del Caffè, Le Logge, Fiore, ecc. Tutti questi posti sono ottimi… senz’altro! Però, non mi credereste mai se vi dicessi che il caffè che prendevo ogni mattina veniva fuori da un distributore automatico. Solo in Italia! E vi rivelerò un segreto: anche il miglior caffè espresso in Canada, non sarebbe mai migliore del caffè dell’università.

Allora dove eravamo rimasti? Ah sì, le lezioni. Una cosa che è importante sapere è che se non ti piace parlare o sei un po’ timido, non c’è nessun problema. I professori sono lì per aiutarti, sia durante le lezioni sia dopo, e vogliono che i loro studenti abbiano “coraggio” come diceva la professoressa Letizia. La cosa più bella, quando si studia in Italia, è che imparerete la lingua più velocemente perché siete costretti a farlo e poi ci sono anche le cose che non sentirete spesso durante una lezione, cioè le frasi idiomatiche. Queste s’imparano per caso, parlando con le persone del posto, al ristorante, mentre si fanno piccole gite, ecc.. Secondo me, è sempre meglio studiare una lingua nel paese d’origine. Se questo vi spaventa un po’, non vi dovete preoccupare. Siena è una città piena di turisti quindi, se vorrete frequentare un corso a Siena con una minima conoscenza della lingua, state tranquilli. Quasi tutti parlano l’inglese e magari anche altre lingue.

Durante i weekend, ho fatto dei viaggi. Siena è un posto perfetto perché lì c’è sempre un treno che parte per diverse città e va un po’ dappertutto. Siccome le mie lezioni terminavano a mezzogiorno, avevo tutto il giorno per andare in giro e passare il tempo come volevo. Anche se andate per studiare, non vi preoccupate perché avrete tempo per divertirvi! Vi dico sinceramente e con tutto il cuore che l’esperienza di questo viaggio valeva davvero la pena

L’ultimo pensiero con cui vi lascio sono delle foto … Io vi posso dire tutto ciò che è capitato a me, e so che magari sarà diverso per voi. Però, l’unica cosa che non cambierà mai è la bellezza di Siena.

La Vista Siena Caffe gelato

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s