Category Archives: Students Testimony

Account of my Travels

Written by Amalie Jessica Frehner

I went to Siena in May 2016 to study Italian for a month at the Università degli Stranieri di Siena. When I arrived in Siena I was enchanted by the old architecture and the colourful flags hanging from the windows, the pleasant bustle of activity, the arched doorways and the colour-coordinated shutters lining the façades of the street walls. I will forever cherish the memory of eating a gelato while strolling down the main street on my first night in Siena.

I went to school from Monday to Friday. My classes went from 9:30 to 1:30, and consisted of two lessons, one on Italian grammar the other on Italian conversation, and were taught by two different professors. Our conversation professor assigned us articles on various topics, which we then read together and ensued to underline the words or expressions that we didn’t understand. When talking about current issues, he asked each person how the situation was dealt with in their own country. The students in my class were from Japan, South Korea, China, Morocco, the Czech Republic, Belgium, France, Catalonia, Argentina, Nicaragua, and Brazil. I was happy to be the only one whose mother tongue was English, so that I would be forced to express myself in Italian. I was impressed by how well everyone in my class spoke Italian. In spite of this, things often got lost in translation during our discussions, resulting in hilarious and absurd misunderstandings. One of my favourite memories of the university was the Notte di Poesia, in which students read poetry from their country in their respective language, and then read the Italian translation. Over thirty countries were represented in the auditorium that night.

One of my favourite things to do in Siena was simply to walk around with my map and my camera, looking and feeling like a tourist. I strove to identify all the different contrade, the respective neighbourhoods to which all native Sienese belong and with which they feel a strong identification. As you might have heard, on the first of July, there is a horse race around the Piazza del Campo, in which each contrada is represented by a horse and rider. The winning contrada has license to celebrate extravagantly in the streets in the following weeks. As I was in Siena in May, the contrade were preparing for the race by decking the streets with their colours, parading around the city, twirling their flags and beating their drums. On one of my walks, I happened upon a group of kids in a park who were solemnly performing a drumroll while others waved flags around. The pride of the city is the Piazza del Campo, the huge open area surrounding an imposing castle, the old city hall. Today, the city hall has been turned into a museum and a lookout. The Piazza del Campo is a lure for tourists, although it is so vast that tourists, students and locals can comfortably share the space.

While I was studying in Siena, I spent my weekends traveling to different cities. I visited a few nearby towns, such as Lucca, Pisa, and Montepulciano, but also ventured out to Bologna, Rome and Naples. Each place was different from the last, and offered its own charms, although I found similarities in the architecture of Tuscan towns. Sometimes I traveled alone, and sometimes I went with others. There are still many places that I haven’t seen. For example, I have heard ravings about San Giminiano and Lecce, and I still want to see Verona, Trieste and Sicily. Even in Siena there are many places that I have yet to visit. I have heard that La Vecchia Latteria serves the best gelato in Siena, but I have yet to taste it for myself.

Learning Italian in Siena is one of the best decisions I have ever made. I found a great balance between the stability of going to school, and after class, the adventure of exploring new places. If you are going to study in Siena in the future, you will probably find your experience completely unique, as there are so many different things to do over there. Regardless, I can guarantee that you will not be able to resist the charm of this medieval city, and there will always be interesting people to meet.

 

amalie2amalie3amalie4amalie6amalie5

Siena: The City That Never Sleeps

Written by Daniel De Paola

This past summer I decided to take my fourth year Italian credits in Siena, Italy. I arrived in Italy on June 28th, and returned to Canada on August 31st. All in all, I spent roughly 2 months in Italy, deciding to backpack around the peninsula after my course finished at the end of July. Upon arriving in Rome, getting to Siena was easier than I expected. There are trains and buses, both of which I took many throughout my trip, and I really couldn’t say which I preferred more – it simply depends on the amount of money you want to spend, and the amount of time you have available. A friend of mine was able to give me the contact information of a landlord in Siena and so finding accommodations was rather painless, and the flat I stayed in was really awesome. I had a roommate from Japan that only knew Japanese and Italian, which forced us to have conversations in Italian (which for me was the whole idea behind going to Italy). I had a balcony off of my bedroom that overlooked a church courtyard, which was as picturesque as it sounds.

The most fun I had in Siena was definitely watching the historical Palio horse race. Held twice a year for over 5 centuries, it is the single most fascinating thing I have ever seen during my trips abroad to Italy. I arrived in Siena 4 days prior to the race and so the town was buzzing with pre-Palio festivities. Each neighbourhood (contrada) provides a horse for the race, and the members of the neighbourhood (contradioli) don various coloured scarves to represent their neighbourhoods. I just happened to be living in the winning neighbourhood, the She-Wolf zone (La Contrada della Lupa), and they had not won a Palio in nearly 30 years. When their horse, Preziosa Penelope, won the race there were street parties, rallies, festivals, concerts, and parades nightly for an entire month straight. That is not an exaggeration – an entire month straight. I didn’t sleep a wink for quite some time, but after a certain point I learned to just go outside, enjoy myself, and bask in their victory like it was my own. If you’re ever planning to go to Siena, be sure to go when the Palio is on.

Another amazing thing about staying in Siena is its proximity to a bunch of other awesome cities and towns. On the weekends my friends and I would take off on buses or trains and go to Rome, Florence, Pisa, San Gimignano, etc. and so despite the fact that Siena itself is a beautiful medieval walled-city on a hill, there is also a wealth of beauty that lies just beyond and

dan1
Panorama del Facciatone, overlooking the Piazza del Campo

 

is fairly accessible. As I said, I finished my course and then began a month long backpacking trip. If you were so inclined to be a bit more adventurous and spontaneous as I was, you would find quickly that there are fairly-priced hostels and budget accommodations all across the country in places from Milan to Palermo. Depending on the amount of time you have in the country, it is definitely something worth looking into.

Regarding the course at the University for Foreigners in Siena, I enjoyed it thoroughly. The professors were world-class, and were extremely helpful. It was such a privilege to be learning the Italian language, as well as culture, in an Italian classroom setting. The course was quite easy seeing as I already had a great deal of practice with Italian grammar from prior courses I had taken at Western. There is a written and oral entrance exam, by which the professors are able to place you in a class that is suited to your individual level. Otherwise, the classes are very informal and conversational. I cannot say enough good about my experience as a student in Siena. As well, because it is a school for foreigners, I met many different people from all around

dan2
Me in the Red Shirt!

the world, including England, Scotland, Turkey, Portugal, Iran, Japan, China, Russia, Poland, Spain, Costa Rica, Australia, New Zealand, etc. many of whom I still regularly speak to. The friendships you make when travelling abroad are some of the best friendships you can possibly make.

Overall, I had the experience of a lifetime during my study abroad in Siena and I miss it every single day that goes by. I don’t know what it is exactly, but Italy has a certain way of doing that to you.

dan3
Piazza del Campo

 

 

La Bellezza di Siena

(Student Laura Acquaviva spent a month studying in Siena; here she describes her experience there)

Quest’estate ho deciso di seguire il terzo livello della lingua italiana a Siena. Prima di tutto, non avevo mai viaggiato in Italia da sola e secondo non ero mai stata nel nord Italia. Perciò non avevo nessun’idea di cosa mi aspettava. Prima di partire ho avuto tantissimi consigli dai miei professori a Western, dalle persone che sono state in Toscana, e anche dalla mia famiglia che vive in Italia. Però, anche con tutti questi suggerimenti, se devo essere sincera, ero ansiosa e non scherzo quando dico che avevo un po’ di paura; non della città o della gente, ma dell’ignoto. Ho visto dei film che sono stati girati in Toscana e in tutto questo tempo mi sono fatta un’idea di come fosse questa regione. Quando si parla della Toscana non c’è mai niente di male da dire, soprattutto di Siena.

Sono arrivata a Siena il due di giugno col pullman da una cittadina in cui sono stata per una settimana con la mia famiglia. Questo viaggio l’ho fatto di notte con mio zio, ed è durato quasi otto ore. Il pullman era davvero comodo, economico, e ha fatto tre o quattro fermate. A un certo punto, avevo tolto i miei occhiali e chiuso la tendina così, magari, potevo dormire un pochino. Quando mi sono svegliata, era presto e tutti in pullman stavano dormendo. Ho rimesso gli occhiali, tirato un po’ la tendina per vedere se c’era un cartello stradale, giusto per sapere quanto tempo ci voleva per arrivare. Appena ho guardato fuori dal finestrino, non avevo più dubbi. Ero sicurissima che ci stessimo avvicinando a Siena. Lo dico con pura sincerità: la Toscana è ESATTAMENTE come la immaginavo, come un dipinto con le colline, i cipressi, i campi di grano; tutto colorato in diverse gradazioni di verde, giallo, marrone chiaro, e col cielo azzurro sullo sfondo. Sorridevo dentro di me. Tutte le preoccupazioni erano sparite in quel momento.

Il pullman è arrivato alla stazione in Piazza Carlo Rosselli che si trova di fronte all’Università per Stranieri di Siena e a un centro commerciale. “Che fortuna,” ho pensato, “Qui c’è tutto quello di cui ho bisogno: l’università, il supermercato e tutti i mezzi di trasporto.” C’è anche un bar nella stazione, dove prendevo il miglior cornetto con crema di tutta la città e una barretta di cereali ogni mattina prima della lezione. Pensate che tutto questo mi costava solamente 2 euro e cinquanta centesimi! Scusatemi ho divagato un po’… difficile non farlo quando penso al cibo, specialmente ai cornetti! Comunque, dopo che siamo arrivati, abbiamo preso un taxi dalla casa in cui ho vissuto per un mese. Fortunatamente, con l’aiuto della mia famiglia, ho avuto l’opportunità di vivere con tre gentili e brave ragazze Italiane che studiano a Siena. Ho condiviso una camera da letto con una delle ragazze e tutt’e tre mi hanno fatto sentire come se fossi stata a casa mia. Se avete scelto di vivere da soli o anche con qualcuno che vive nella città in cui si studia, non abbiate timore! È una bella esperienza, quella di vivere con una persona del posto. Una volta la settimana ho dovuto fare la spesa, il bucato, e ogni sera cucinavo per me stessa se non cenavo fuori.

La prima settimana di lezioni, non vi mentirò, ho fatto tardi quasi ogni giorno. Ho perso un po’ di tempo per capire il meccanismo del trasporto pubblico, ma non è stato difficile per niente, soprattutto perché a ogni fermata c’è un piccolo schermo che ti spiega quali autobus passano di là e anche dove fermano. Però, sono arrivata il giorno prima dell’inizio delle lezioni e non mi sono data abbastanza tempo per organizzarmi. Dalla mia casa, ho dovuto prendere un autobus, scendere a Piazza del Sale, e poi salire su un altro autobus che mi portava direttamente alla Stazione. Dopo una settimana, ho deciso di scendere a Piazza del Sale e fare il resto a piedi. Dico la verità, è stato meglio così. L’atmosfera alle 7:00 di mattina a Siena (e in Italia in generale) è incomparabile. Le tranquille stradine, il profumo del caffè (cioè l’espresso) e le paste, tutti i bar aperti, alcuni negozianti che sistemano i loro negozi, e il venticello fresco che in quei giorni tirava solamente la mattina quando non faceva troppo caldo.

Quando arrivavo all’università, come ho detto prima, prendevo un cornetto, però il caffè lo prendevo sempre all’università. Ora devo divagare di nuovo… Io sono ossessionata dal caffè. Non posso passare un giorno senza prenderlo, sia in Italia sia in Canada. Non sarebbe possibile per me! L’Italia è un paradiso in generale, però per quanto riguarda il caffè, nessuno la può superare. Se qualcuno mi volesse contraddire su quest’argomento, perderebbe. A Siena, come dappertutto in Italia, ci sono mille bar in cui si può prendere un buon caffè. C’è il Bar Nannini, La Bottega Del Caffè, Le Logge, Fiore, ecc. Tutti questi posti sono ottimi… senz’altro! Però, non mi credereste mai se vi dicessi che il caffè che prendevo ogni mattina veniva fuori da un distributore automatico. Solo in Italia! E vi rivelerò un segreto: anche il miglior caffè espresso in Canada, non sarebbe mai migliore del caffè dell’università.

Allora dove eravamo rimasti? Ah sì, le lezioni. Una cosa che è importante sapere è che se non ti piace parlare o sei un po’ timido, non c’è nessun problema. I professori sono lì per aiutarti, sia durante le lezioni sia dopo, e vogliono che i loro studenti abbiano “coraggio” come diceva la professoressa Letizia. La cosa più bella, quando si studia in Italia, è che imparerete la lingua più velocemente perché siete costretti a farlo e poi ci sono anche le cose che non sentirete spesso durante una lezione, cioè le frasi idiomatiche. Queste s’imparano per caso, parlando con le persone del posto, al ristorante, mentre si fanno piccole gite, ecc.. Secondo me, è sempre meglio studiare una lingua nel paese d’origine. Se questo vi spaventa un po’, non vi dovete preoccupare. Siena è una città piena di turisti quindi, se vorrete frequentare un corso a Siena con una minima conoscenza della lingua, state tranquilli. Quasi tutti parlano l’inglese e magari anche altre lingue.

Durante i weekend, ho fatto dei viaggi. Siena è un posto perfetto perché lì c’è sempre un treno che parte per diverse città e va un po’ dappertutto. Siccome le mie lezioni terminavano a mezzogiorno, avevo tutto il giorno per andare in giro e passare il tempo come volevo. Anche se andate per studiare, non vi preoccupate perché avrete tempo per divertirvi! Vi dico sinceramente e con tutto il cuore che l’esperienza di questo viaggio valeva davvero la pena

L’ultimo pensiero con cui vi lascio sono delle foto … Io vi posso dire tutto ciò che è capitato a me, e so che magari sarà diverso per voi. Però, l’unica cosa che non cambierà mai è la bellezza di Siena.

La Vista Siena Caffe gelato

Siena – Questo Piccolo Grande Amore

(Student Roberto De Pasquale spent his summer abroad in Siena, here he describes his experience there)

Il 27 maggio, sono andato in Italia per frequentare un corso di lingua. Nonostante sia andato in Italia molte volte, questa gita era la mia prima volta da solo, e quindi, avevo un po’ di ansia. Quando sono arrivato, tutto è stato molto più semplice di quanto avevo immaginato. All’arrivo a Milano, ho preso il treno per Firenze, e dopo un altro da Firenze a Siena. Anche se prendere il treno da Firenze a Siena non era difficile, vi consiglierei di prendere invece il pullman, perché non c’è bisogno di cambiare (dato che può creare un po’ di confusione la prima volta), il costo è lo stesso e il viaggio in pullman è più veloce del viaggio in treno.

PANORAMA CON VISTA DEL DUOMO DALLA MIA TERRAZZA
PANORAMA CON VISTA DEL DUOMO DALLA MIA TERRAZZA

Purtroppo, non c’era posto nella residenza dell’università, quindi ho prenotato una stanza in centro da solo. Amo la compagnia e non mi piace stare da solo, quindi questo è stato un grande errore per me. Vi consiglierei di scegliere o una stanza nella residenza con gli studenti italiani (non quelli internazionali), oppure, se una stanza in residenza non è disponibile, una sistemazione con altri studenti italiani, così si può essere più immersi nella cultura e la lingua italiana. Ho degli amici che hanno prenotato stanze con altri studenti italiani e hanno avuto una bellissima esperienza.

Per quanto riguarda il corso all’università, io e la mia amica di Western, Laura, abbiamo frequentato il corso solo l’ultimo mese e, quindi, abbiamo trascorso gran parte del tempo a studiare tempi verbali e vocabolario che non conoscevamo. Nonostante questo, l’Università è stata molto accomodante e ci hanno dato alcune lezioni private gratis, quindi non è stato difficile passare il corso.

Siena è una città splendida. È situata nel centro della Toscana e questo permette di viaggiare con facilità nella regione. Ho visitato le Cinque Terre, un gruppo di cinque bellissimi paesi sulla costa della Liguria, distanti circa un’ora e mezzo da Siena. Questa gita è preferibile per un weekend, dato che ci si può anche fermare a Pisa e Lucca per strada, due città che vale la pena vedere. Inoltre, ci sono città fantastiche come Montalcino e Montepulciano, famose per i loro vini. Firenze è solo 45minuti da Siena con il pullman, ed è dunque molto facile andare lì per prendere il treno o l’aereo per una destinazione italiana o europea.

IL PROF. POCCI, LAURA ACQUAVIVA ED IO IN PIAZZA DEL CAMPO
IL PROF. POCCI, LAURA ACQUAVIVA ED IO IN PIAZZA DEL CAMPO

Il mio viaggio in Italia è stata una bellissima esperienza, il mio italiano è migliorato tanto, ho incontrato tante persone e ho formato amicizie con persone da tutte le parti del mondo.

Antonette’s Experience Abroad!

Go do study abroad if it’s something you’ve been thinking about! It’s worth the effort to start looking into what you need to do ahead of time, attend information sessions, and talk to the professors. The application process isn’t as complicated as you might think, just give yourself enough time so you time to plan and get things sent.
Continue reading Antonette’s Experience Abroad!

On a Learning Spree in SIENA ITALY- Nicola Paviglianiti

Through the Italian Language Department at Western I had the opportunity to attend the University of Siena in Italy over Summer in order to take 3rd year Italian. This post is a small snapshot of my experience.

Initially, it was my heritage that inspired me to study Italian language Continue reading On a Learning Spree in SIENA ITALY- Nicola Paviglianiti

Becky’s Experience Abroad!

Ciao!

My name is Becky Quinn and I am currently studying Italian 3300. Last summer I had the wonderful opportunity to study abroad in Siena for a month where I did my second year Italian. It was definitely one of the best experiences of my life! Spending a month Continue reading Becky’s Experience Abroad!